Giro del Trentino 2^ tappa live 

Iniziamo il live della seconda tappa del Giro del Trentino 

I fuggitivi ora si trovano a Bressanone, vantaggio di 2’18” quando mancano 130km

Gruppo a praticam a metà  gara, 135 i chilometri percorso fino ad ora, il vantaggio degli uomini in fuga continua a calare 

Ecco gli uomini in fuga 

-Berlato

-Foliforov

-Rodriguez

-Mendes

-Cardoso

-Gaffurini 

-Schoenberger

seguiteci anche sul nostro nuovo sito

Continua a scendere il vantaggio 

Passaggio al Gpm di Naz-Sciaves (km 138,7): 1° Sebastian Schonberger, 2° Josè Mendes; 3° Giacomo Berlato

Comunicato il ritiro di Andrea Palini (SKD)

Il vantaggio torna a salire 2’20” ma dietro l’Astana fa la gara 

Quando mancano pochi chilometri al passaggio di Brunico il vantaggio della fuga scende a 1.50

Il gruppo ha rallentato, vantaggio di 2’50”

-50km vantaggio dei fuggitivi di 7′ ma ora l’Astana inizia a fare sul serio, i fuggitivi sono quasi a Brunico

Cliccate mi piace sulla nostra pagina Facebook 

Media di 41.170 dopo 4 ore di gara

Grosso lavoro Astana vantaggio dei fuggitivi sceso a 1’47”  

Un minuto di vantaggio, fuga spenta, uomini stanchi.

-23 km vantaggio che oscilla tra i 40 e i 50″

Giacomo Berlato prova l’allungo tra gli uomini in fuga 

-20km ora si è entrati in territorio austriaco 

Ripreso Berlato 

Ripresi i fuggitivi 

Allungo di Mendes che guadagna qualche metro ora nel gruppo anche la AG2R a fare la gara 

Allungo di Landa che guadagna qualche decina di metri 

In un secondo terzetto a 15″ da Landa c’è Pozzovivo più attardato Nibali 

Ultimi 500m per Landa

Vittoria per Landa, tappa e maglia per lui grazie anche al duro lavoro fatto dal sto uomo migliore: Gianni Moscon

Bene anche Cunego e Pozzovivo 

  

Freccia Vallone: Iscritti e favoriti 

Si correrà domani, mercoledì 20 aprile l’edizione 2016 della Freccia Vallone, la numero 86 della classica che rientra nel cosìdetto Trittico delle Ardenne. Tanti big al via fra questi Valverde che è cercherà  il tris 

e Joaquim Rodriguez.
Di seguito l’elenco completo degli iscritti:

Movistar
001 Alejandro Valverde

002 Carlos Alberto Betancur

003 Imanol Erviti Ollo

004 Ruben Fernandez

005 Jon Izagirre Insausti

006 Daniel Moreno Fernandez

007 Rory Sutherland

008 Giovanni Visconti

   

  Etixx – Quickstep

011 Julian Alaphilippe

012 Gianluca Brambilla

013 David De La Cruz Melgarejo

014 Laurens De Plus

015 Bob Jungels

016 Daniel Martin

017 Pieter Serry

018 Petr Vakoc

   

  Orica GreenEDGE

021 Michael Albasini

022 Jack Haig

023 Mathew Hayman

024 Christopher Juul Jensen

025 Jens Keukeleire

026 Michael Matthews

027 Christian Meier

028 Adam Yates

   

  Katusha

031 Joaquim Rodriguez

032 Sven Erik Bystrom

033 Sergei Chernetckii

034 Alberto Losada Alguacil

035 Tiago Jose Pinto Machado

036 Alexei Tsatevich

037 Jurgen Van Den Broeck

038 Angel Vicioso Arcos

   

  AG2R La Mondiale

041 Pierre-Roger Latour

042 Jan Bakelants

043 Mikael Cherel

044 Ben Gastauer

045 Cyril Gautier

046 Sébastien Minard

047 Matteo Montaguti

048 Christophe Riblon

   

  Team Sky

051 Sergio Luis Henao Montoya

052 Michal Golas

053 Sebastian Henao Gomez

054 Lars Petter Nordhaug

055 Wout Poels

056 Salvatore Puccio

057 Ben Swift

058 Danny Van Poppel

   

  Astana Pro Team

061 Diego Rosa

062 Dario Cataldo

063 Andriy Grivko

064 Alexey Lutsenko

065 Luis Leon Sanchez Gil

066 Paolo Tiralongo

067 Lieuwe Westra

068 Andrey Zeits

   

  Cannondale 

071 Tom Jelte Slagter

072 Simon Clarke

073 Lawson Craddock

074 Alex Howes

075 Benjamin King

076 Toms Skujins

077 Michael Woods

078 Nathan Brown

   

 Lotto NL – Jumbo

081 Wilco Kelderman

082 Enrico Battaglin

083 Koen Bouwman

084 Robert Gesink

085 Bert-Jan Lindeman

086 Paul Martens

087 Alexey Vermeulen

088 Victor Campenaerts

   

  Tinkoff

091 Roman Kreuziger

092 Pavel Brutt

093 Robert Kiserlovski

094 Evgeni Petrov

095 Pawel Poljanski

096 Ivan Rovny

097 Yury Trofimov

098 Michael Valgren Andersen

   

  BMC 

101 Philippe Gilbert

102 Alessandro De Marchi

103 Silvan Dillier

104 Ben Hermans

105 Stefan Küng

106 Samuel Sanchez

107 Dylan Teuns

108 Loïc Vliegen

   

  Wanty Groupe Gobert

111 Enrico Gasparotto

112 Jerome Baugnies

113 Gaetan Bille

114 Guillaume Martin

115 Mark Mcnally

116 Marco Minnaard

117 Bjorn Thurau

118 Frederik Veuchelen

   

  Fortuneo Vital Concept

121 Kevin Ledanois

122 Jean-Marc Bideau

123 Anthony Delaplace

124 Brice Feillu

125 Armindo Fonseca

126 Julien Loubet

127 Chris Anker Sorensen

128 Florian Vachon

   

  IAM Cycling

131 Jarlinson Pantano Gomez

132 Clement Chevrier

133 Stefan Denifl

134 Dries Devenyns

135 Vegard Stake Laengen

136 Larry Warbasse

137 Oliver Zaugg

138 Marcel Wyss

   

  Trek-Segafredo

141 Frank Schleck

142 Fumiyuki Beppu

143 Niccolo Bonifazio

144 Laurent Didier

145 Ryder Hesjedal

146 Kiel Reijnen

147 Haimar Zubeldia Agirre

148 Peter Stetina

   

  Cofidis

151 Daniel Navarro Garcia

152 Nicolas Edet

153 Romain Hardy

154 Arnold Jeannesson

155 Luis Angel Mate Mardones

156 Rudy Molard

157 Julien Simon

158 Anthony Turgis

   

  FDJ

161 Arthur Vichot

162 William Bonnet

163 Odd Christian Eiking

164 Laurent Pichon

165 Kévin Reza

166 Anthony Roux

167 Jérémy Roy

168 Benoît Vaugrenard

   

  Team Giant Alpecin

171 Warren Barguil

172 Caleb Fairly

173 Johannes Frohlinger

174 Simon Geschke

175 Chad Haga

176 Fredrik Ludvigsson

177 Sam Oomen

178 Georg Preidler

   

  Lampre Merida

181 Rui Alberto Faria Costa

182 Matteo Bono

183 Valerio Conti

184 Mario Costa

185 Louis Meintjes

186 Manuele Mori

187 Jan Polanc

188 Diego Ulissi

   

  Lotto Soudal

191 Tony Gallopin

192 Sander Armee

193 Bart De Clercq

194 Thomas De Gendt

195 Tomasz Marczynski

196 Tosh Van Der Sande

197 Jelle Vanendert

198 Tim Wellens

   

  Roompot Oranje Peloton

201 Pieter Weening

202 Huub Duyn

203 Reinier Honig

204 Johnny Hoogerland

205 Michel Kreder

206 Maurits Lammertink

207 Kai Reus

208 Antwan Tolhoek

   

   Dimension Data

211 Serge Pauwels

212 Igor Anton Hernandez

213 Natnael Berhane

214 Stephen Cummings

215 Omar Fraile Matarranz

216 Jacques Janse Van Rensburg

217 Youcef Reguigui

218 Daniel Teklehaimanot

   

 Topsport Vlaanderen

221 Preben Van Hecke

222 Floris De Tier

223 Tim Declercq

224 Sander Helven

228 Otto Vergaerde
   

 Stölting Service Group

231 Linus Gerdemann

232 Gerald Ciolek

233 Lasse Normann Hansen

234 Thomas Koep

235 Christian Mager

236 Mads Pedersen

 Delko Marseille Provence KTM

241 Julien El Fares

242 Romain Combaud

243 Remy Di Gregorio

244 Daniel Ricardo Diaz

245 Leonardo Fabio Duque

246 Delio Fernandez Cruz

247 Yannick Martinez

248 Quentin Pacher

Le parole di Viviani sul l’incidente alla Roubaix

Dopo il terribile incidente di ieri sulle strade della Parigi-Roubaix il veronese del team Sky con un tweet rassicura i tifosi sulle sue condizioni di salute:  “sono stato sfortunato, ma al tempo stesso il più fortunato al mondo. Trauma toracico e due Abradioni.”

Viviani era stato letteralmente travolto da una motocicletta in gara durante l’attraversamento della foresta di Aremberg, le dinamiche sono state molto chiare dopo la pubblicazione da parte di un tifoso di un video, un incidente aveva costretto un gruppo di corridori a rallentare fino a fermarsi quando di colpo è arrivata una motocicletta dell’organizzazione (o della stampa?),comunque un mezzo accreditato, che non è riuscita a fermarsi in tempo e a travolto il veronese. Tutto sommato le cose sono andate bene, poteva veramente ripetersi quanto successo qualche settimana fa!

  

Milano – Sanremo:percorso e orari tv

La Milano-Sanremo by NamedSport si svolge sul percorso classico che negli ultimi 109 anni ha collegato Milano con la riviera di Ponente attraverso Pavia, Ovada, il Passo del Turchino per scendere su Genova Voltri. Da lì si procede verso ovest attraverso Varazze, Savona, Albenga fino a Imperia e San Lorenzo al Mare dove, dopo la classica sequenza dei Capi (Mele, Cervo e Berta), si affrontano le due salite inserite negli ultimi decenni: Cipressa (1982) e Poggio di Sanremo (1961). La Cipressa misura 5,6 km ad una pendenza media del 4,1% e presenta una discesa molto tecnica che riporta sulla SS1 Aurelia.Ultimi km
A 9 km dall’arrivo inizia la salita del Poggio di Sanremo (3,7 km a meno del 4% di pendenza media con punte dell’8% nel tratto che precede lo scollinamento). La salita presenta una carreggiata leggermente ristretta e quattro tornanti nei primi 2 km. La discesa è molto tecnica su strada asfaltata, ristretta in alcuni passaggi, con un susseguirsi di tornanti, di curve e controcurve fino all’immissione nella statale Aurelia. L’ultima parte della discesa si svolge nell’abitato di Sanremo. Ultimi 2 km su lunghi rettilinei cittadini. Da segnalare a 850 m dall’arrivo una curva a sinistra su rotatoria e ai 750 m dall’arrivo l’ultima curva che immette sul rettilineo finale di via Roma, tutto su fondo in asfalto.

COPERTURA TV
L’edizione 2016 della Classicissima di Primavera sarà distribuita in TV in 163 diversi Paesi. 19 i network televisivi coinvolti nella copertura, 13 dei quali con programmazione in diretta. Rai, host broadcaster dell’evento, trasmetterà live a partire dalle 13:30 su Rai Sport 1, per poi offrire le fasi clou della corsa su Rai 3 dalle 15:00.

Eurosport 1 garantirà la diretta della Milano Sanremo by Namedsport in tutta Europa, con commento in 19 diverse lingue; a completare il panorama live del Vecchio Continente, NOS trasmetterà la gara nei Paesi Bassi, Teledeporte in Spagna e SRG SSR in Svizzera, sui tre canali RSI per il pubblico di lingua italiana, RTS per quello francofono e SRF per quello di lingua tedesca. In Belgio, gli appassionati di ciclismo potranno seguire la prima Monumento della stagione in neerlandese su VRT e in francese su RTBF. In Norvegia la corsa sarà in diretta anche in chiaro su Max.

In Francia la diretta verrà offerta solo sugli schermi di beinSports, network che detiene i diritti esclusivi anche per gli Stati Uniti d’America e per 23 Paesi della regione Medio Oriente e Nord Africa. Highlights della corsa verranno trasmessi in tutta l’Africa Subsahariana dall’emittente sudafricana Supersport.

Spettacolo alla “Cadel Evans Race”, bene gli azzurri 

Come ogni anno è una grande festa la Cadel Evans Great Ocean Race, gara che anche se molto giovane, solo al secondo anno di vita, attira molto l’attenzione dei team e dei campioni, anche per rispetto all’ex campione del mondo della BMC a cui è dedicata la gara. Peter Kennaugh parte con un azione solitaria seguito qualche altro corridore quando mancava un giro del circuito nel percorso di gara che ricordava quello del mondiale Geelong 2010, ai meno 10 il corridore del team Sky prova un nuovo allungo e lascia sul posto i contrattaccanti, vittoria in solitaria. Leigh Howard della IAM vince la volata per il secondo posto precedendo il nostro Niccolò Bonifazio.