Al via il Tour du Finisterre

È arrivato il momento del Tour du Finisterre, saranno 193km sicuramente caratterizzati dal vento. Dopo la partenza dalla costa atlantica di saint- èvarzec i corridori dovranno affrontare una sarie di sali scendi prima di arrivare sul traguardo di Oumper.

Goolaerts il più veloce alla prima del Tour du Loir

È Michael Goolaerts a vincere la tappa inaugurale della cinquantasettesima edizione del Tour du Loir et Cher d Provost.Il belga della Lotto Soudal under 24 ha preceduto sul traguardo di Le Fouzelier dopo 172 km l’inglese Christopher Lawless e il tedesco Leif Lampater.

Domani seconda tappa  da Orchaise a Chailles lunga 203 km.

Doping e sostanze proibite: nuovi casi (anche tra gli azzurri)

Ancora tegole sul mondo del ciclismo, nei giorni scorsi l’UCI ha pubblicato il consueto rendiconto degli atleti sospesi per problematiche legate al doping.

Tra i vari caso segnalati c’è anche nominativi: il più noto è quello di Mattia Gavazzi (Amore & Vita-Selle SMP), risultato positivo alla cocaina in seguito ad un controllo effettuato lo scorso 10 luglio al Tour of Qinghai Lake. Per lui la situazione non è facile e potrebbe incorrere in gravi sanzioni perché è la terza volta che risulta positivo a tale sostanza.

A proposito di cocaina un altro caso già noto alla cronaca è quello di Luca Paolini per il quale è stata ufficializzata la squalifica di 18 mesi dopo essere stato trovai positivo durante il Tour 2015.

Lo stesso rapporto dell’UCI ha parlato di altri 3 casi:

– Kristjan Fajt (Adria Mobil), risultato positivo all’EPO.

– Josemborg Montoya Pinho per steroidi 

– Raphael Mesquita per steroidi

Va detto che la cocaina non è considerata a tutti gli effetti sostanza dopanti 

Le parole di Viviani sul l’incidente alla Roubaix

Dopo il terribile incidente di ieri sulle strade della Parigi-Roubaix il veronese del team Sky con un tweet rassicura i tifosi sulle sue condizioni di salute:  “sono stato sfortunato, ma al tempo stesso il più fortunato al mondo. Trauma toracico e due Abradioni.”

Viviani era stato letteralmente travolto da una motocicletta in gara durante l’attraversamento della foresta di Aremberg, le dinamiche sono state molto chiare dopo la pubblicazione da parte di un tifoso di un video, un incidente aveva costretto un gruppo di corridori a rallentare fino a fermarsi quando di colpo è arrivata una motocicletta dell’organizzazione (o della stampa?),comunque un mezzo accreditato, che non è riuscita a fermarsi in tempo e a travolto il veronese. Tutto sommato le cose sono andate bene, poteva veramente ripetersi quanto successo qualche settimana fa!

  

Spettacolo e impresa di Diego Rosa al Paesi Baschi

Impresa memorabile quella del piemontese dell’Astana Diego Rosa nella quinta tappa della Vuelta al País Vasco.L’albese è stato protagonista di una fuga di 102 chilometri prima con un gruppetto e poi in solitaria fino al traguardo di Arrate, alle sue spalle Sergio Henao che ha conquistato la maglia da leader della classifica generale con 6″ su Pinot e 10 su Contador.

  
Da segnalare anche il ritiro del capitano, e caro amico di Rosa, Fabio Aru.

Cliccate mi piace sulla nostra pagina Facebook 

Ancora un incidente in allenamento

Brutto incidente in allenamento per il giovane Andrea Vendrame, 21 anni portacolori della Zalf nella mattinata di ieri, mercoledì 7 aprile a Vittorio Veneto.Il giovane è stato investito in allenamento e ha riportato seri danni, da un comunicato stampa del team di legge che il trevigiano a riportato un grave trauma cranico-facciale, quindi si prospetta un lungo periodo di stop per una lenta guarigione.

Cliccate mi piace sulla nostra pagina Facebook 

I segreti della Roubaix, analisi settori in pavé 

Per molti è la gara più attesa dell’anno per quasi tutti è la più spettacolare e una delle più dure, domenica andrà in scena l’edizione 2016 della Parigi-Roubaix, la numero 114 con partenza da Compiegne e arrivo a Roubaix dopo 257 chilometri di cui ben 52 in pavé disposto su 27 settori che elenchiamo di seguito indicando per ognuno la classificazione della difficoltà, il chilometro a cui si trovano e la lunghezza.

  
27 – Troisvilles (km 98,5 – 2200 m) ***

26 – Viesly (km 105 – 1800 m) ***

25 – Quievy (km 107,5- 3700 m) ****

24. Saint-Python (km 112,5 – 1500 m) ** 

23. Vertain (km 120,5- 2300 m) ***

22. Capelle-Ruesnes (km 127 – 1700 m) ***

21. Quérénaing – Maing (km 137,5 – 2500 m) ***

  
20. Monchaux-sur-Ecaillon (km 141- 1600 m) *** 

19. Haveluy (km 154 – 2500 m) ****

18. Foresta d’Arenberg (km 162- 2400 m) ***** 

17. Wallers – Hélesmes, detto Pont Gibus (km 168- 1600 m) ***

16. Hornaing (km 175 – 3700 m) ****

15. Warlaing – Brillon (km 182,5- 2400 m) ***

14. Tilloy – Sars-et-Rosières (km 186 – 2400 m) ****

13. Beuvry-la-Forêt – Orchies (km 192,5- 1400m) ***

12. Orchies (km 197- 1700 m) ***

11. Auchy-lez-Orchies – Bersée (km 203,5- 2700 m) ****

10. Mons-en-Pévèle (km 209- 3000 m) *****

9. Mérignies – Avelin (km 215- 700 m) **

8. Pont-Thibaut (km 218 – 1400 m) ***

7. Templeuve – Mulino di Vertain (km 224 – 500 m) **

6. Cysoing – Wannehain (km 231 – 2400 m) *** 

5. Camphin-en-Pévèle (km 238 – 1800 m) ****

  
4. Carrefour de l’Arbre (km 240 – 2100 m) *****

3. Gruson (km 243 – 1100 m) **

2. Hem (km 249,5 – 1400 m) **

1. Roubaix (km 256,5 – 300 m) *